Belen stronca Messi: “Non regge la pressione, l’hanno portato via da piccolo”

18 giugno 2018

Belen Rodriguez, dagli studi del programma televisivo Balalaika dedicato al Mondiale, offre un giudizio davvero molto duro su Lionel Messi, leader tecnico (ma probabilmente non caratteriale) della sua Argentina, a pochi giorni dalla prestazione negativa con l’Islanda con tanto di rigore sbagliato.

Queste le parole della modelle e presentatrice, tornata single dopo aver lasciato Andrea Iannone: “Siamo molto rammaricati [intende gli Argentini, n.d.r.]. Credo che Messi non regga la pressione: è stato portato via dall’Argentina da piccolo e la Spagna e il Sudamerica hanno un modo diverso di gioco: l’europeo è tecnico, il sudamericano è più istintivo”.

La ‘Pulce’ ha lasciato in effetti il suo Paese a 13 anni, quando si trasferì dalle giovanili del Newell’s Old Boys a quelle del Barcellona, che si offrì anche di pagare le cure per contrastare il deficit di crescita legato a fattori ormonali.

A giudizio dell’avvenente 33enne, essere cresciuto in Europa ne ha dunque inficiato la capacità di reggere le pressioni in maglia Albiceleste.

Belen rimane tuttavia ottimista per il prosieguo: “Maradona ha detto che quando noi abbiamo vinto il Mondiale, alla prima abbiamo perso: ieri abbiamo pareggiato, quindi ci sono speranze”.

In realtà l’Argentina vinse all’esordio sia nel 1986 che nel 1978, quando conquistò il suo primo Mondiale: è stata la Spagna nel 2010 a laurearsi campione del mondo dopo aver perso il primo match del girone (0-1 con la Svizzera).

D’altra parte la stessa Rodriguez, in una recente intervista, ha ammesso: “Ho detto a quelli della Gialappa’s che di calcio non capisco nulla. Loro mi hanno risposto: ‘Brava, rimani così!‘”.

LEGGI ANCHE:

Cecilia Rodriguez finisce in commissariato a Capri: permesso di soggiorno scaduto

Belen racconta il rapimento da adolescente: “Mi presero per i capelli e mi buttarono per terra”

Cristiano Ronaldo-Spagna 3-3. De Gea imita Karius…

Cristiano Ronaldo, il particolare dell’esultanza: allusione al ‘rivale’, la sfida è lanciata


Condividi:


Commenti