Una Juventus “ammaccata” passa a Wembley: a Higuain e Dybala vengono i “3 minuti”

Una Juventus “ammaccata” passa a Wembley: a Higuain e Dybala vengono i “3 minuti”
8 marzo 2018

A Wembley Il coreano Son spaventa la Juventus, il Tottenham chiude la prima frazione in vantaggio; nella ripresa ci pensano Higuain e Dybala fra il 64′ ed il 67′ a ribaltare la situazione: dopo il 2-2 dell’andata, una vittoria che significa accesso ai quarti di finale di Champions League.

E dire che Allegri ha schierato la coppia argentina malgrado entrambi non fossero al meglio della condizione, non aveva scelta stante l’infortunio degli altri. Una scossa è arrivata anche grazie all’ingresso di Lichtsteiner, che ha avviato l’azione del pareggio. E dire che era stato escluso dalla lista per il girone.

L’unica nota negativa Buffon, apparso poco reattivo (come all’andata) in occasione dell’unica rete avversaria, peraltro alquanto rocambolesca (Son colpisce talmente male da spiazzare Chiellini).

Con il goal di rapina e il filtrante stile PES per Dybala la palma del migliore va al Pipita, spesso accusato (non senza ragioni) di eclissarsi nei match più difficili in Europa. La Joya non fallisce poi davanti a Lloris.

Una vittoria che rafforza l’autostima dei bianconeri, capaci di imporsi in un contesto ambientale non favorevole malgrado qualche acciacco dei suoi uomini.

Sullo 0-0 negato un rigore solare per atterramento in area di Douglas Costa da parte di Vertonghen. Ma il presidente UEFA Ceferin è sicuro che in Europa per ora si possa fare a meno del VAR.

 

LEGGI ANCHE: Tottenham, s’infortuna l’arbitro. L’appello sul tabellone del Wembley: “Chiunque sia qualificato si faccia avanti”

TOTTENHAM-JUVENTUS 1-2 (agg. 3-4). MARCATORI: 39’ pt Son (T), 19’ st Higuain (J), 22’ st Dybala (J).

TOTTENHAM (4-2-3-1): Lloris; Trippier, Sanchez, Vertonghen, Davies; Dier (29’ st Lamela), Dembele; Eriksen, Alli (41′ st Llorente), Son; Kane.

Leggi anche:
La verità sulla testata di Zidane a Materazzi: parla l'arbitro di Italia-Francia Helizondo

A disposizione: Vorm, Rose, Sissoko, Wanyama, Lucas Moura. Allenatore: Pochettino.

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Barzagli, Benatia (16’ st Lichtsteiner), Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi (15’ st Asamoah); Dybala, Higuain (37′ st Sturaro), Douglas Costa.

A disposizione: Szczesny, Rugani, Marchisio, Bentancur. Allenatore: Allegri.

ARBITRO: Marciniak (Pol). NOTE: Ammoniti: Alli, Vertonghen, Dembele (T); Alex Sandro, Benatia, Pjanic, Chiellini (J).


Condividi:


Leggi anche:
Lucarelli, bordate sul Palermo: "Stanno nei tribunali ogni settimana, noi vinto sul campo"
Commenti