Morto l’investitore di Michele Scarponi. Aveva un tumore

Morto l’investitore di Michele Scarponi. Aveva un tumore
13 febbraio 2018

E’ morto l’investitore di Michele Scarponi, il ciclista marchigiano che nell’aprile di un anno fa fu investito e ucciso dal furgone di un artigiano mentre si allenava nelle strade del paese del ciclista.

Giuseppe Giacconi, 58 anni, piastrellista molto noto a Filottrano, piccola cittadina in provincia di Ancona, è morto per un tumore, ma dal giorno dell’incidente era tormentato dal rimorso per quell’incidente costato la vita al suo compesano e idolo. Anche il sindaco di Filottrano e il cardinale di Ancona Menichelli avevano avuto parole di solidarietà e conforto per l’uomo.

Giacconi, malato da tempo, è deceduto nella sua abitazione. Si estinge così anche il procedimento penale per omicidio colposo a suo carico per la morte di Scarponi. Giacconi era alla guida del Fiat Iveco che centrò in pieno il campione di ciclismo in via dell’Industria il 22 aprile dello scorso anno: l’Aquilia di Filottrano morì sull’asfalto a 37 anni. Giacconi lascia la moglie Daniela e la figlia Cristina.


Condividi:


Leggi anche:
Ciclismo, ancora in coma il 18enne Michael Antonelli. Era caduto in una scarpata durante la Firenze-Viareggio
Commenti