Totti: “Sogno scudetto da dirigente. Uno come me non c’è al momento”

Totti: “Sogno scudetto da dirigente. Uno come me non c’è al momento”
12 dicembre 2017

Francesco Totti, neo-dirigente della Roma, è ospite dei Gazzetta Sports Awards e affronta alcuni temi di casa giallorossa, dalla lotta scudetto al sorteggio Champions.

Sulla “transizione” da giocatore a dirigente: “In alcuni momenti vorrei mettermi ancora gli scarpini, ma la squadra e il mister stanno facendo bene. Certo, ora vorrei vincere uno scudetto da dirigente della Roma.”

Su Di Francesco: “Conoscevo l’uomo, e ho scoperto che è un grande allenatore: preparato, convinto e ha margini di miglioramento. Con lui ,forse, il mio ultimo anno da giocatore sarebbe stato meno traumatico”.

Sullo Shakhtar (che ha un po’ “snobbato” i giallorossi): “Sarà una gara da 50 e 50”.

La breve intervista si sposta poi su altri temi: “Gattuso al Milan fa un certo effetto anche perché prima c’era [sulla panchina del Milan] un mio amico. Scudetto Roma o Champions Juve? Spero tutte e due.

Le parole di De Rossi su Spalletti? Chiedete a lui, risponderà come sa. Un nuovo Totti? Al momento non c’è, spero arrivi”.


Condividi:


Commenti