Napoli, Mertens firma fino al 2020: i retroscena del nuovo contratto

Napoli, Mertens firma fino al 2020: i retroscena del nuovo contratto
19 maggio 2017

Dries Mertens resta a Napoli: la data di scadenza del nuovo contratto dice 2020. Ma l’anno prossimo, con 28 milioni, chi vorrà potrà pagare la clausola rescissoria per portarlo all’estero. Nel frattempo guadagnerà 4 milioni a stagione, raddoppiando di fatto il suo ingaggio attuale. Un’intesa strappata grazie ai 25 gol realizzati quest’anno, alla quale Aurelio De Laurentiis non ha potuto sottrarsi.

Il belga è centrale nel progetto del Napoli, per Sarri è impossibile pensare a una squadra senza l’attaccante. Del resto il club ha dovuto accettare le condizioni di Mertens che, a giugno del 2018, avrebbe potuto liberarsi a parametro zero. Ecco perché il Napoli ha dovuto fare in fretta e accettare le nuove condizioni per un accordo certamente dispendioso. Il nuovo contratto, però, prevede una clausola rescissoria, valida solo per l’estero ed a partire ovviamente dalla prossima stagione, di 28 milioni di euro. Una cifra lontanissima dai 90 milioni di Higuain ma adeguata per un giocatore che l’anno prossimo raggiungerà i 31 anni. L’impressione è che il Napoli abbia programmato un altro campionato con la banda di Sarri. Anche perché anche il tecnico potrebbe liberarsi nel 2018 con una clausola di 8 milioni. Insomma avanti assieme ma non sempre.



Commenti