Spalletti è quasi addio: “Se non vinco, vado via” e non parla di Monchi

Spalletti è quasi addio: “Se non vinco, vado via” e non parla di Monchi
31 marzo 2017

 

Luciano Spalletti, alla vigilia della sfida della Roma con l’Empoli, conferma: “Se non vinco non rimango”, ha detto il tecnico toscano. “Vincere vuole dire conquistare un titolo – ha aggiunto -. Il mio discorso è sempre stato questo da quando sono tornato”. L’addio, insomma, sembra più vicino nonostante l’incontro con il presidente Pallotta: “Abbiamo parlato di tante cose. Per me è stata l’occasione per dirgli di persona quello che è il mio pensiero, che è sempre stato lo stesso da quando sono qui. Quello che mi ha detto lui va chiesto a lui perché io non sono uno spione”.

Sul nuovo direttore sportivo Monchi, che ha chiuso il suo rapporto con il Siviglia e che da luglio sarà in carica alla Roma, Spalletti non è entrato nel merito: “Di questo non so niente, non ho parlato con la società di niente in riferimento a Monchi, e il mio ds è Massara. Bisogna avere rispetto per chi ha lavorato bene come lui. Di Monchi ne ho sentito parlare, mi dicono che è un grande professionista, ma poi l’ho letto soprattutto sui giornali. Queste sono cose future, per noi invece la priorità è la partita con l’Empoli di domani. E vincerla è il miglior modo per preparare poi il derby con la Lazio”. Sarà assente De Rossi che si è fatto male con la Nazionale mentre rientrerà Grenier titolare.


Condividi:


Commenti