Il rinnovo di Spalletti con la Roma è in bilico: il problema è Francesco Totti

Totti e Spalletti
Totti e Spalletti
21 febbraio 2017

Le parole di Luciano Spalletti, dopo il 4-1 rifilato dalla Roma al Torino, hanno spiazzato tutti. Perché il tecnico ha tirato in ballo il rinnovo di contratto di Francesco Totti parlando del suo futuro? Che relazione c’è tra le sue dichiarazioni e il capitano giallorosso che ancora non ha deciso se smettere di giocare? Le interpretazioni si sprecano ma sembra evidente che Spalletti abbia voluto lanciare un messaggio al club. All’allenatore non va giù che la società, prima di pensare a chi dovrà costruire la Roma del futuro, pensa al rinnovo del contratto dei giocatori. A quanto è dato intuire senza interpellarlo e, soprattutto, senza offrirgli un progetto su cui lavorare.

Se decifrato correttamente, potrebbe essere questo lo Spalletti-pensiero che considera Totti ormai un ex giocatore e il fatto di legare alla propria permanenza al prolungamento del numero 10 con la maglia giallorossa sembra una provocazione. Spalletti, infatti, non gradirebbe solo le ingerenze sull’utilizzo di Totti come calciatore ma digerirebbe male anche un’eventuale Totti-dirigente con il quale difficilmente potrebbe convivere. Il “peso” del capitano, mediaticamente e nelle scelte, sarebbe insopportabile per un professionista come Spalletti. A un anno esatto dalla clamorosa esclusione di Totti, l’allenatore ha voluto rendere pubblico – seppure con qualche frase sibillina – il suo malumore.


Condividi:


Commenti