L’Inter conferma De Boer: “Non cambieremo”. E l’assemblea dei soci approva il bilancio

L’Inter conferma De Boer: “Non cambieremo”. E l’assemblea dei soci approva il bilancio
28 ottobre 2016

Altro che rischio di esonero: le idee di de Boer sono innovative e la società ha fiducia in lui. Lo ha detto il direttore sportivo dell’Inter, Piero Ausilio nella conferenza stampa che si è svolta alla fine dell’assemblea dei soci del club ora in mano a Suning. “Stiamo crescendo e stiamo cercando di migliorare ed è normale che in questo processo ci siano battute d’arresto. Non dobbiamo limitarci a guardare il risultato, guardiamo le prestazioni e, insieme all’allenatore cerchiamo di capire come migliorare. Abbiamo una buona squadra e un buon allenatore. Frank de Boer ha idee innovative, non lo abbiamo mai messo in discussione e sosteniamo il suo progetto, perché siamo convinti che sia vincente”. Prima della vittoria con il Torino si facevano già i nomi dei possibili sostituti e, addirittura, in Francia avevano scritto di contatti con Laurent Blanc, ma Ausilio nega: “Non abbiamo cercato nessuno, al massimo sono gli allenatori che si sono proposti a noi. La panchina dell’Inter fa gola a tutti. Lo ripeto: l’allenatore dell’Inter è Frank de Boer. Abbiamo fatto una scelta a fine agosto, lo sosteniamo e siamo convinti che il suo progetto di calcio sarà vincente”.

Anche il vicepresidente di Suning Yang Yang e il ceo dell’Inter Bolingbroke hanno confermato fiducia all’allenatore olandese: “de Boer è arrivato prima dell’inizio del campionato e in queste condizioni non è facile per nessuno”, ha detto Bolingbroke. “Siamo al 100% al suo fianco perché crediamo in lui. Sappiamo che il suo compito non è facile”. Anche il dirigente ha detto che la società non ha contattato altri allenatori. “Roberto Mancini aveva fatto un buon lavoro e ci siamo lasciati amichevolmente; sapevamo che iniziare il campionato con un altro allenatore era un rischio calcolato, ma abbiamo dei propositi che non sono cambiati”.

L’assemblea dei soci ha approvato il bilancio dell’Inter al 30 giugno 2016: la perdita è di 59,6 milioni, quella precedente di 140,4. Insomma i conti sembrano andare meglio come ha confermato il consigliere Nicola Volpi che ha diretto i lavori al posto del presidente Erick Thohir tornato in Indonesia perché il padre è gravemente malato. “Nonostante le difficoltà avute in campo – ha detto Volpi – gli obiettivi che avevamo a inizio stagione sono e devono rimanere gli stessi. Il nostro Club per storia e tradizione merita di competere nei palcoscenici più importanti, merita di tornare in Champions League. Questo è ancora il nostro obiettivo e il fatto di aver perso dei punti per strada non ce l’ha fatto dimenticare o cambiare: vogliamo e dobbiamo lavorare ancora di più per ritrovare la giusta strada e recuperare il terreno perduto. Solo se lavoriamo tutti assieme ce la possiamo fare”. Sulla stessa linea il Ceo Bolingbroke: “Non abbiamo rinunciato allo scudetto, abbiamo ancora l’obiettivo di portare a casa lo scudetto. È stata una decisione molto difficile cambiare l’allenatore e approfitto per ringraziare Roberto Mancini con il quale ci siamo lasciati in maniera amichevole”


Condividi:


Commenti