Inter, Mancini anticipa l’addio: “Se non piaccio vado via”

Roberto Mancini
Roberto Mancini
15 luglio 2016

Roberto Mancini ha praticamente anticipato l’addio all’Inter in un’intervista al Guerin Sportivo. Un segno evidente che il malumore del tecnico nerazzurro arriva da lontano e non è frutto solo delle ultime prestazioni (peraltro deludenti) della squadra. “Non sarò mai un peso, se qualcuno non mi vuole, posso anche farmi da parte”, ha detto Mancini confermando così il rapporto in crisi con il club nerazzurro, e in particolare con il gruppo Suning. I cinesi hanno rilevato la società ma ancora di grandi colpi non se ne sono visti. E non è un mistero che il vero obiettivo di Mancini per rinforzare l’Inter era solo Yaya Touré, centrocampista del Manchester City ritenuto dal “Mancio” “uno dei più forti d’Europa”.

“Ho sempre detto che amo troppo questa società per poterla tradire – ha sottolineato l’allenatore -. Non sarò mai un peso: come dissi a fine campionato, se qualcuno non mi vuole sono pronto a farmi da parte”. E poi Mancini ha spiegato che la distanza tra Nanchino e Milano rischia di far naufragare il progetto: “L’assenza del padrone non incide mai negativamente se organizzi bene la società – continua Mancini in modo diplomatico ma chiaro -. Non credete a chi dice che i club possono essere condizionati dalla lontananza della proprietà. I cinesi sono appena arrivati. Pensiamo a lavorare, bene e in sintonia. Poi affronteremo anche il futuro. Io devo conoscere loro e loro devono conoscere me, come è logico che sia. Ma le premesse sono buone”. Diceva qualche giorno fa Roberto Mancini, oggi forse il tecnico, in scadenza di contratto, vorrebbe rettificare le sue ultime parole.


Condividi:


Commenti