Platini, il Tas conferma 4 anni di squalifica. Si dimetterà

Platini, il Tas conferma 4 anni di squalifica. Si dimetterà
9 maggio 2016

Il Tas ha ridotto da sei a quattro anni la squalifica di Michel Platini per la vicenda dell’inchiesta per la consulenza da due milioni di franchi svizzeri pagatagli dalla Fifa di Blatter.

Platini, che sperava nella cancellazione della squalifica, si dimetterà, nei prossimi giorni dalla presidenza dell’Uefa.
“Prendo atto della decisione presa oggi dal Tas ma la considero una profonda ingiustizia”, ha detto Platini. “Questa decisione mi impone una sospensione la cui durata mi impedirà, guarda la coincidenza, di candidarmi alle prossime elezioni per la presidenza della Fifa. Come convenuto con le varie Federazioni nazionali, mi dimetto dalle mie funzioni da presidente della Uefa al fine di proseguire la mia battaglia davanti ai tribunali svizzeri per dimostrare la mia onestà. La vita mi ha sempre riservato grandi sorprese e sono disposto a viverne altre”.

Inizialmente inibito per otto anni, la squalifica era stata poi portata a sei anni e ora a quattro, ma la scorrettezza della condotta di Platini è stata confermata.

La UEFA ha preso atto della decisione del Tribunale arbitrale dello sport di sospendere il presidente UEFA Michel Platini da qualsiasi attività legata al calcio per quattro anni. “Abbiamo anche preso atto della dichiarazione di Michel Platini che ha annunciato la sua intenzione di dimettersi da presidente della UEFA. Il Comitato Esecutivo UEFA si riunirà la mattina del 18 maggio a Basilea per discutere prossimi passi, tra cui la programmazione di un congresso elettivo. Nel frattempo, non ci sarà la nomina di un presidente ad interim”.


Condividi:


Commenti