La Juve voleva il Real Madrid: eccolo!

La Juve voleva il Real Madrid: eccolo!
24 aprile 2015

Tutti volevano il Real Madrid e l’urna di Nyon ha sfornato l’avversario tanto desiderato (si fa per dire, ovviamente). La Juve ha trovato in semifinale il Real Madrid dell’ex Carletto Ancelotti, un incrocio affascinante e non privo di qualche polemica sotto traccia.

Gli esperti sostengono che il Real non sia più quella macchina perfetta degli ultimi tre mesi del 2014, e che anzi sarebbe entrato in crisi a inizio anno, per poi risollevarsi nelle ultime settimane. Sarà. Ma la squadra dei “blancos” ha dovuto e deve sopportare infortuni eccellenti (prima Kroos, Modric, e James Rodriguez), nei quarti con l’Atletico ancora il croato, ma anche Bale, Benzema e Marcelo.

Un problema forse relativo vista la rosa a disposizione del tecnico italiano che si può permettere il lusso di tenere in panchina il Chicharito Hernandez, alla fine decisivo per il passaggio del turno. Quindi il Real con qualche titolare in meno farebbe meno paura. Leggermente svantaggiata la Juve dal fattore campo: dovrà giocarsi tutto a Torino e poi gestire a Madrid e non è una passeggita di salute.

La differenza potrebbero farla i due tecnici. Carlo Ancelotti non è solo un grande allenatore: è pure italiano. Cioè conosce pregi e difetti del nostro calcio, e della Juve in particolare, meglio di chiunque altro. E in Champions, da allenatore del Milan, di Champions ne ha vinte due (una proprio con i bianconeri).


Condividi:


Commenti