Vecchi e nuovi sponsor delle squadre di Serie A

Vecchi e nuovi sponsor delle squadre di Serie A
6 settembre 2019

Dopo l’entrata in vigore del Decreto Dignità, che vieta in Italia qualunque forma di pubblicità per i giochi online e le scommesse sportive, il campionato di Serie A è ripartito con nuovi sponsor sulle maglie dei propri giocatori. I grandi gruppi del settore del gioco d’azzardo hanno dovuto rinunciare ai loro guadagni legati al mondo del calcio italiano, e com’era prevedibile hanno dirottato i loro investimenti sui campionati di altre nazioni.

È infatti di questi giorni la notizia che ben 19 squadre, sulle 20 che si disputano il campionato di calcio spagnolo della massima serie, hanno trovato un main sponsor proprio nelle principali società del settore delle scommesse sportive. L’impennata di sponsorizzazioni ha già prodotti i primi risultati: i dati confermano infatti un aumento del giro d’affari legato alle scommesse sportive nel solo mercato spagnolo, con un fatturato che ha raggiunto in soli tre mesi gli oltre 92 milioni di euro, circa il 21% in più dello scorso anno.

Come tanti italiani che amano il gioco d’azzardo, e che affollano NetBet per continuare a giocare ai casino online, anche gli spagnoli stanno diventando sempre più assidui giocatori e scommettitori, confermando le aspettative dei colossi del gioco online e dei siti di scommesse che hanno investito in modo massiccio nelle squadre di calcio della Liga spagnola.

Gli sponsor dei grandi club
Nonostante nei mesi scorsi fossero stati annunciati scenari catastrofici per le squadre di Serie A italiane, costrette a cambiare sponsor già da questo campionato 2019-2020, le società di calcio si sono invece mosse per tempo, e com’era prevedibile molte di esse sono riuscite a trovare nuovi main sponsor da pubblicizzare sulle maglie dei propri giocatori.

Tra le squadre che hanno siglato gli accordi più importanti, manco a dirlo, figurano i grandi club: Juventus, Inter, Milan, Napoli e Roma hanno infatti ottenuto contratti di tutto rispetto con i loro rispettivi partner. La Juventus guida ovviamente la classifica degli introiti derivanti dai main sponsor, potendo contare sui 51 milioni dello sponsor Adidas, e sui 17 milioni del marchio Jeep. Segue l’Inter con i 19 milioni dello storico partner Pirelli, a cui può aggiungere i circa 10 milioni del marchio Nike, e poi ancora il Milan che può contare sui quasi 30 milioni tra Puma ed Emirates.

Gli altri sponsor delle squadre di Serie A
Il Napoli ha invece un contratto di 8 milioni a stagione con Kappa, e altri 9 milioni degli sponsor Lete, MSC Crociere e Kimbo. La Roma infine ha un contratto con Nike di circa 5 milioni l’anno, e altri due accordi con Qatar Airways e Hyundai per complessivi 14 milioni che si aggiungono a quelli del main sponsor Nike. La Lazio rischia invece di pagare le conseguenze maggiori dall’introduzione del Decreto Dignità, poiché al momento non è ancora riuscita a trovare un main sponsor che sostituisca quello della passata stagione, proveniente appunto dal settore delle scommesse sportive.

Una nota positiva, per quanto riguarda le sponsorizzazioni delle squadre di Serie A, deriva dalla presenza di ben 13 main sponsor italiani sul totale delle 20 squadre che disputano il campionato maggiore. Tra i settori che investono di più nelle squadre di club di Serie A, figurano quello alimentare e quello dell’edilizia, mentre i marchi degli sponsor stranieri provengono dal settore automobilistico e da quello delle linee aeree. Vedremo quali ritorni economici potranno arrivare dalle sponsorizzazioni delle squadre di Serie A: nella scorsa stagione le entrate legate agli sponsor sono state di appena 93.6 milioni di euro, a fronte di un investimento di oltre 98 milioni.


Condividi:


Commenti