Il gestaccio di Simeone: il tecnico dell’Atletico Madrid rischia la squalifica

Il gestaccio di Simeone: il tecnico dell’Atletico Madrid rischia la squalifica
22 febbraio 2019

Se Simeone sarà in panchina allo Stadium, oppure in tribuna come gli capita spesso quando eccede, lo scopriremo tra qualche giorno, forse già oggi. Ieri si è parlato del caso al dipartimento disciplinare Uefa, ma non è ancora stata presa una decisione. Quello che è sicuro è che le immagini del tecnico argentino dopo il primo gol non sono state un bello spettacolo: che fosse un gestaccio verso i rivali (inammissibile) o un’esultanza particolarmente forte (e scorretta), è stato comunque uno spot di cui la Champions non aveva bisogno. Oggi a Nyon qualcosa succederà. Gli scenari possibili sono tre.

TRE SCENARI — Il più preoccupante per Simeone è quello che vede l’Uefa aprire un procedimento disciplinare in base ai rapporti dell’arbitro e del delegato, oppure dopo aver visionato le immagini tv e letto i giornali. In questo caso sarebbe difficile per il tecnico sfuggire alla sanzione: una squalifica per «comportamento irriguardoso» gli impedirebbe di sedere in panchina nel ritorno. Secondo scenario: l’Uefa decide di vederci più chiaro, incaricando un ispettore di indagare per poi aprire un caso o meno. Infine, l’Uefa non interviene, considerando il gesto una semplice esultanza esagerata, il modo molto personale, da taverna, ma non offensivo, di far sapere al mondo che all’Atletico «tenemos huevos» (come se gli juventini non se ne fossero già accorti).

LA GRINTA — Tutto è possibile. Ma poi sarebbe meglio non fare i moralisti e inaugurare campagne di prevenzione – anche l’Uefa – quando questi gesti vengono dalle tribune. Simeone è un sanguigno e non certo il primo tecnico ad interpretare così il suo ruolo: da Conte a Mourinho, sono tanti a esprimersi con una grinta che può infastidire i rivali. Ma non oltre certi limiti. Durante Atletico-Juve Simeone aveva già protestato a lungo con l’arbitro, tanto da ricevere un richiamo verbale dal quarto uomo. Il problema dell’argentino è che è plurirecidivo, come lui stesso ha ammesso dopo il 90’ ricordando le altre gare in cui s’era vantato dei suoi «gioielli».

PRECEDENTI — L’anno scorso Simeone è stato squalificato per 4 turni dall’Uefa per l’espulsione nella semifinale di andata di Europa League con l’Arsenal: aveva protestato a lungo quando l’arbitro Turpin aveva espulso Vrsaljko dopo 10 minuti (per doppio giallo). In Spagna, nel 2014, Simeone ha ricevuto 8 giornate nella Supercoppa con il Real (quel giorno diede pure un buffetto al quarto uomo). E due anni dopo altre 3 giornate quando, nella partita con il Malaga, per impedire un contropiede dei rivali dalla panchina fu lanciato un pallone in campo (però non era stato lui).

(Fonte Gazzetta dello Sport)


Condividi:


Commenti