A Misano è tripletta italiana. In MotoGP Ducati festeggia con Dovi (“Ho veramente goduto!”), male Rossi

A Misano è tripletta italiana. In MotoGP Ducati festeggia con Dovi (“Ho veramente goduto!”), male Rossi
9 settembre 2018

Il GP di San Marino a Misano Adriatico vede trionfare piloti italiani in tutte e tre le categorie: rispettivamente Dalla Porta, al primo successo nel motomondiale; Bagnaia, sempre più leader della classifica Moto2 (ma la gara è stata caratterizzata dall’assurda follia di Romano Fenati, di cui riferiamo a parte); e Andrea Dovizioso, che ha preceduto sul traguardo Marc Marquez, con Lorenzo caduto al penultimo giro quando era secondo e Rossi che chiude solo settimo.

Il pilota forlivese delle Ducati ha lottato per circa metà gara con Marquez e Lorenzo, ha poi preso un piccolo vantaggio che si è rivelato decisivo soprattutto grazie alla bagarre fra i due spagnoli: il pilota Honda appare nel complesso più lento di Lorenzo, che fatica però a superarlo e quando finalmente ci riesce parte alla disperata rimonta al compagno da cui accusa 2 secondi di ritardo.

Evidentemente va però oltre il limite e finisce sulla ghiaia: a quel punto Marquez si accontenta saggiamente di un secondo posto ottimo nell’ottica della classifica generale: conserva infatti un vantaggio di 67 punti sul ‘Dovi’, quando mancano 6 gare al termine del campionato.

Sul terzo gradino del podio l’inglese Cal Crutchlow, primo anche fra i piloti dei team privati con la sua LCR Honda.

A seguire Rins, Viñales e Pedrosa. Settimo Rossi, autore di una gara molto grigia: non effettua nessun sorpasso e ne subisce invece 2, arriva infine nella posizione di partenza, come conseguenza delle cadute di Miller e Lorenzo.

Gli altri italiani: Iannone ottavo, Petrucci 11esimo (paga anche un problema tecnico al via), Morbidelli 12esimo, Pirro 15esimo.

DOVIZIOSO. Le parole del vincitore: “Oggi ho veramente goduto, tranne gli ultimi giri quando ho visto che Jorge cominciava a spingere. In quelle fasi lui è fortissimo”.

Ero in trance con la moto, siamo stati perfetti, è stato bellissimo. Non mi aspettavo di vincere in questo modo ma abbiamo fatto tutto in modo perfetto, sin dai test abbiamo lavorato molto bene e siamo arrivati qui con una base molto buona. Sono contentissimo perché abbiamo fatto tutto alla perfezione ed era l’unico modo per vincere”.

Prossimo appuntamento ad Aragona il 23 settembre.


Condividi:


Commenti