DAZN, che pasticcio! Il sito è in tilt, per molti a rischio Lazio-Napoli

DAZN, che pasticcio! Il sito è in tilt, per molti a rischio Lazio-Napoli
18 agosto 2018

DAZN, l’emittente online di Perform Group che si è aggiudicata i diritti per la trasmissione di 3 partite a settimana della Serie A, sta sperimentando grosse difficoltà tecniche con il suo sito, a causa del grande traffico di utenti che hanno cercato di registrarsi all’ultimo momento per usufruire dei suoi servizi.

A rischio per molti appassionati Lazio-Napoli di stasera alle 20.45 (seconda partita di questo campionato, dopo Chievo-Juventus delle 18.00), mentre è probabile (ma non scontato) che, seppur in extremis, tutti gli utenti interessati saranno in grado di registrarsi prima di Parma-Udinese e Sassuolo-Inter di domani, le altre due partite settimanali della TV online.

Certamente l’offerta promozionale (primo mese gratuito) ha contribuito grandemente ad aumentare il traffico, oltre il limite della sostenibilità evidentemente.

L’accesso alla pagina del ‘Fai da te’ è funzionante, ma quando si clicca sul tasto ‘Acquista il ticket’ la risposta è lenta e spesso il sovraccarico di utenza blocca il processo.

In molti casi si ottiene come risposta un messaggio che recita: “Gentile Cliente, i servizi del ‘Fai da te’ non sono al momento disponibili. Ci scusiamo per il disagio e ti invitiamo a riprovare più tardi. Continua la navigazione e scopri le novità e i servizi a te dedicati”.

Inoltre il codice via SMS per attivare l’abbonamento con lo sconto (per gli utenti Sky da oltre un anno) in alcuni casi si è fatto attendere diverse ore.

Non il migliore degli inizi per l’emittente, in cui vedremo nelle vesti di conduttrice la bella giornalista Diletta Leotta.

LEGGI ANCHE:

I primi effetti di Cristiano Ronaldo: il Chievo aumenta i prezzi dei biglietti con la Juventus del 66%

Diletta Leotta dalla Serie B a Il Contadino cerca moglie

Serie A, gli orari delle partite delle prime 3 giornate: Ronaldo darà il calcio d’inizio al campionato, turni su 3 giorni


Condividi:


Commenti