Serie A, per guardare tutte le partite della propria squadra servono 2 abbonamenti… e internet

Serie A, per guardare tutte le partite della propria squadra servono 2 abbonamenti… e internet
26 luglio 2018

Cambia il calcio e cambia anche il modo di fruire il calcio: da quest’anno serviranno due abbonamenti per seguire tutta la Serie A e oltre a questo una connessione internet almeno discreta; e non sarà possibile nemmeno seguire la propria squadra con un solo abbonamento.

Oggi, come riferiamo altrove, verrà sorteggiato il calendario della Serie A 2018/19, per cui sono stati stabiliti alcuni criteri.

Non sarà possibile vedere tutte le partite della propria squadra con un singolo abbonamento.

Gli appassionato ricorderanno i tempi del doppio abbonamento, con Stream e Telepiù, che però acquisivano i diritti delle singole squadre.

Inoltre negli ultimi anni ci eravamo abituati a scegliere tutte le partite sul satellite (Sky) o sul digitale terrestre (Mediaset Premium).

Da quest’anno e per 3 anni almeno (fino alla prossima asta) avremo 7 partite per giornata su Sky, 3 su DAZN della britannica Perform Group.

Quest’ultima ha stretto un accordo sia con Mediaset Premium che con Sky Sport italia: il primo prevede le partite trasmesse gratuitamente per gli abbonati Premium; il secondo uno sconto per chi è abbonato Sky da almeno un anno, 7,99 euro anziché 9,99.

In ogni caso servirà una connessione internet e che sia in grado di supportare lo streaming di una partita di calcio.

DAZN infatti trasmette il suo segnale solo via internet: bisognerà utilizzare dunque uno fra PC/portatile, Smart TV, tablet/smartphone, oppure ancora Sky Q, il nuovo decoder di Sky che oltre a decodificare i canali satellitari, integra un tuner digitale terrestre e si connette alla rete internet.

LEGGI ANCHE: 

Indonesia, così il video presenta il campionato di Serie A

Diletta Leotta a Dazn, commenterà l’anticipo della Serie A. Con lei Paolo Maldini

Nella nuova squadra di Sky non c’è Massimo Mauro. Ironia del web: “Telecomando al posto del cuore”

 


Condividi:


Commenti