Il Frosinone fa causa a Zamparini: “Accuse false e intollerabili, chiediamo i danni al patron del Palermo”

Il Frosinone fa causa a Zamparini: “Accuse false e intollerabili, chiediamo i danni al patron del Palermo”
18 giugno 2018

Il Frosinone ha chiesto ufficialmente alla FIGC il permesso per far causa al patròn del Palermo Maurizio Zamparini, uscendo dall’ambito della giustizia sportiva: ne dà nota attraverso un lungo comunicato sul sito del club (vedi in fondo), che fa seguito a quello della giornata di ieri che in qualche misura faceva presagire una querela.

Si chiede il “ristoro dei danni tutti, diretti e indiretti”, per le “reiterate, gratuite, inveritiere ed intollerabili accuse” di Zamparini, che aveva parlato tra l’altro di ‘incontro illegale’.

CLAUSOLA COMPROMISSORIA. Come noto, le società di calcio si devono attenere alla cosiddetta clausola compromissoria: tutte le dispute fra i tesserati devono essere cioè risolte nell’ambito della giustizia sportiva.

Per fare diversamente, cioè per poter agire nell’ambito della giustizia ordinaria, bisogna chiedere una deroga: è quanto ha fatto la società ciociara. Se le verrà concessa, potrà agire in sede civile contro Zamparini.

IL RITORNO DELLA FINALE PLAY-OFF DI SERIE B. La squadra laziale ha ottenuto la promozione in Serie A dopo aver vinto 2-0 il match allo stadio Stirpe.

Un incontro però dall’esito contestato: sia per un errore arbitrale (la mancata concessione di un rigore per fallo su Coronado) sia per la grave scorrettezza della panchina frusinate (palloni tirati in campo per interrompere le azioni offensive dei siciliani).

LO 0-3 A TAVOLINO. La società rosanero, dal canto suo, ha già depositato il ricorso contro l’omologazione del match (cioè la consueta convalida del risultato) e, anche basandosi su un precedente analogo, chiederà lo 0-3 a tavolino, per il già ricordato episodio che ha coinvolto tesserati (perlopiù giocatori in panchina) del Frosinone.

Leggi anche:
Lucarelli, bordate sul Palermo: "Stanno nei tribunali ogni settimana, noi vinto sul campo"

Il comunicato:

Il Frosinone Calcio S.r.l. rende noto di avere presentato alla Federazione Italiana Giuoco Calcio istanza di deroga alla clausola compromissoria/vincolo di giustizia ai sensi dell’art. 30 Statuto Federale e dell’art. 15 del Codice di Giustizia Sportiva.

Ciò al fine di procedere al deposito, presso la competente Procura della Repubblica, di denuncia-querela nei confronti del Patron dell’U.S. Città di Palermo S.p.a., Sig. Maurizio Zamparini per le reiterate, gratuite, inveritiere ed intollerabili accuse da questi rivolte alla scrivente società e ai propri giocatori.

Il Frosinone Calcio S.r.l. procederà anche in sede civile onde ottenere il ristoro dei danni tutti, diretti ed indiretti, arrecati dalle condotte sopradescritte, precisando che ulteriori comportamenti illeciti e/o antidoverosi di tesserati della compagine siciliana seguiranno lo stesso trattamento.

 

LEGGI ANCHE:

Frosinone-Palermo, il video degli insulti prima del match: “Mafiosi!”

Longo, tecnico del Frosinone: “Giusto così, loro non hanno i conti a posto. I palloni? Non siamo mica ingeui”. La risposta: “Ricorso e tribunale”


Condividi:


Leggi anche:
Zamparini: "Mercato? Molto dipende dalla categoria. Per il Palermo servono 50 milioni"
Commenti