L’ex Fiorentina Effenberg contro Gundogan e Ozil: “Via dalla Nazionale”

L’ex Fiorentina Effenberg contro Gundogan e Ozil: “Via dalla Nazionale”
13 giugno 2018

Un caso doppio, legato ai nomi di Gondogan e Ozil, continua a agitare la vigilia del debutto mondiale della Germania in programma domenica 17 giugno contro il Messico di Hernandez. Dopo i fischi del pubblico a Gundogan nell’amichevole contro l’Arabia Saudita, è il turno di Stefan Effenberg, ex giocatore anche della Fiorentina, a chiedere, anche se non apertamente, l’allontanamento dei due giocatori dalla Nazionale campione del mondo. “Se scommetti su determinati valori, come la DFB sostiene ripetutamente, allora la decisione può effettivamente essere quella di mandar via i due giocatori. Hanno reagito in modo diverso a me o a Uli Stein. Di conseguenza, non vedo una linea chiara”, ha detto alla rivista T online.
Andiamo per ordine. I due giocatori di origine turca hanno incontrato lo scorso 177 maggio il presidente Rayyip Erdogan, che non è proprio il simbolo vivente della democrazia, per come governa il suo paese reprimendo le opposizioni. Gundogan aveva incontrato qualche giorno dopo il presidente della Federcalcio tedesca Frank-Walter Steinmeier. Gli aveva ribadito l’amore per la Germania, ma anche il suo legame con “la parte turca in me”. “Capisco la critica delle mie azioni. Ma personalmente, mi ha davvero colpito che mi abbiano incolpato di non aver rispettato i nostri valori. Sono un cittadino tedesco che canta l’inno nazionale. D’ora in poi, è finalmente quello che sappiamo fare meglio: il calcio! E non più la politica”.
Parole che non sono bastate ai tifosi tedeschi, che hanno fischiato Gundogan, e a Effenberg. Che fu cacciato dalla Nazionale di Berti Vogts dopo ave mostrato il dito medio ai tifosi ai mondiali del 1994 e fu pure fischiato a Norimberga. “Dovevano essere cacciati, e avranno addosso una pressione enorme. Ma visto che la Federazione ha deciso di tenerli in squadra non ritengo giusto quanto i giornali stanno ancora facendo contro di loro”.


Condividi:


Commenti