GP Cina, trionfa Ricciardo. Vettel speronato da Verstappen: finisce ottavo

GP Cina, trionfa Ricciardo. Vettel speronato da Verstappen: finisce ottavo
15 aprile 2018

Un GP di Cina certamente non da ricordare per Sebastian Vettel, che mantiene la leadership in campionato ma oggi chiude solo ottavo, lontanissimo dal vincitore Ricciardo su Red Bull.

Gara molto deludente per il tedesco, che partiva dalla prima posizione, complicata in modo ulteriore da un’altra follia di Verstappen.

Raikkonen sul gradino più basso del podio, dietro il connazionale Bottas su Mercedes e davanti ad Hamilton.

E dire che a Shangai le due Ferrari partivano in prima fila, per la seconda volta di seguito (come non accadeva dal 2006): insomma, le premesse erano ben altre.

DUE FATTORI. Al via il tedesco mantiene la posizione, anche con una manovra energica nei confronti del compagno che viene superato da Bottas.

Quest’ultimo mostra nel complesso un passo superiore e scavalca Vettel dopo un cambio gomme.

Ci hanno pensato poi la Safety Car e la strategia della Red Bull a cambiare le carte in tavola.

Stavolta tocca infatti alla casa dei ‘bibitari’ sfruttare un incidente, come era successo alla Rossa in Australia, con conseguente ingresso della Safety Car (stavolta non ‘virtuale’):  al 31esimo giro il francese della Toro Rosso Gasly in  staccata finisce addosso alla fiancata del compagno Hartley.

Tre tornate dopo entra appunto la vettura di sicurezza e le Red Bull si fermano a montare le gomme soft (avevano le medie).

Con un pizzico di fortuna dunque premiata la scelta delle due soste, rispetto a quella di Mercedes e Ferrari, una sosta sola: Ricciardo può fare il resto della gara con le soft che reggono fino alla fine.

L’australiano si porterà in testa con una serie di sorpassi, il compagno Verstappen invece al 44esimo giro sperona Vettel in un tentativo di sorpasso al tornante: testacoda per entrambi.

Leggi anche:
Jet contro Red Bull contro Kawasaki contro le supercar: chi vincerà la sfida?

L’olandese sanzionato con 10 secondi di penalità che però gli costeranno solo una posizione.

VERSTAPPEN FA ‘MEA CULPA’: “Avrei potuto aspettare un po’ di più, ma dopo è più facile dirlo…. Ho bloccato le posteriori, non volevo colpirlo. Ho già chiesto scusa a Seb, ma non posso cambiare la situazione. Tutto il mio inizio di stagione è stato una m…“.

VETTEL ‘PERDONA’ VERSTAPPEN: “Le gare sono così “, esordisce ai microfoni di Sky. “Sono cose che succedono, è stato negativo per entrambi”. E, anche con riferimento alla Safety Car: “Le gare a volte ti fanno un favore, altre volte vanno storte. Ho dato tutto, ho danneggiato anche le gomme, ma è stato troppo difficile”-

HAMILTON: ‘GRAZIE, MAX…” Così il campione del mondo, oggi solo quarto: “Non avevo il passo oggi e nemmeno ieri. Ho faticato in gara, ho faticato con le gomme e la partenza è stata scioccante: è qualcosa su cui devo sicuramente migliorare perché mi sta facendo perdere punti preziosi”.

Su Verstappen, che era stato aggressivo con lui (come inn Bahrain) prima di andare addosso a Vettel: “Verstappen troppo aggressivo con me? No, in realtà gli sono grato a Verstappen per il suo modo di guidare…”.

LEGGI ANCHE:

Singapore, così Verstappen: “Vettel mi ha stretto, sono contento che siamo usciti tutti e 3”

Hamilton su Verstappen: “Che testa di c…o”. Scintille tra i piloti Haas: “Togliti di mezzo”

In classifica costruttori sorpasso Mercedes sulla Ferrari: 85 contro 84


Condividi:


Leggi anche:
Jet contro Red Bull contro Kawasaki contro le supercar: chi vincerà la sfida?
Commenti