Federer nella leggenda del tennis: batte Haase e torna numero 1 al mondo

Federer nella leggenda del tennis: batte Haase e torna numero 1 al mondo
17 febbraio 2018

Roger Federer entra nella leggenda tornando primo nel ranking mondiale a oltre 36 anni. Il campione svizzero aveva accettato la wild card per l’ABN AMRO World Tennis Tournament”, torneo ATP 500 in corso sul veloce indoor di Rotterdam.

Con la semifinale conquistata in Olanda, superando Robin Haase, il fuoriclasse di Basilea si è ripreso la leadership mondiale scavalcando Rafa Nadal, sorpasso che il computer ATP ufficializzerà lunedì prossimo. King Roger diventa dunque il più anziano numero 1 di sempre nel tennis: con i suoi 36 anni, 6 mesi e 8 giorni, meglio di Andre Agassi, che nel 2003 raggiunse la vetta a 33 anni e 131 giorni.

Dopo l’esordio lampo (47 minuti per sbarazzarsi 6/1 6/2 del belga Ruben Bemelmans, numero 116 Atp, proveniente dalle qualificazioni) e il non semplice successo al secondo turno (7/6 7/5) sul tedesco Philipp Kohlschreiber, numero 36 Atp, Federer ha superato in rimonta l’olandese Haase, numero 42 del ranking mondiale: 4/6 6/1 6/1 il punteggio, risultato che gli consente di scavalcare matematicamente lo storico rivale spagnolo.

Un’impresa, quella di tornare Re del ranking mondiale per Federer, celebrata anche da una piccola cerimonia, al termine dell’incontro a Rotterdam, con il direttore del torneo Richard Krajicek a consegnare un simbolico numero 1 con sottolineato “il più anziano di sempre” al fenomeno svizzero. “È stata una cavalcata fantastica, tornare ad essere ancora numero 1 significa davvero molto per me”, ha detto commosso, dedicando un pensiero “all’amico Marco Chiudinelli”, che qualche mese fa a Basilea aveva lasciato il tennis professionistico. “Ho lottato per essere qui ed essere di nuovo numero 1 è un sogno che si avvera. Adesso toccherà agli altri combattere per arrivarci, non riesco a crederci. Ci sono stati alti e bassi ma ho lavorato duro per arrivare a questo punto. Voglio ringraziare il mio team e mia moglie”.


Condividi:


Commenti