L’ex portiere U.S.A. Hope Solo: “Blatter mi ha palpato il sedere”. Lui: “Accuse ridicole”

L’ex portiere U.S.A. Hope Solo: “Blatter mi ha palpato il sedere”. Lui: “Accuse ridicole”
11 novembre 2017

“Blatter mi ha messo una mano sul sedere, nella cerimonia di consegna del Pallone d’Oro nel 2013: poco prima di salire sul palco mi ha palpato i glutei”, questa l’accusa di Hope Solo, leggenda del calcio a stelle e strisce.

La risposta (attraverso un portavoce) dell’ex presidente FIFA, laconica, è stata: “Accuse ridicole”.

La 36enne, che ha difeso la porta della nazionale dal 2000 fino al 2016, ha vinto con gli USA due ori olimpici (a Pechino 2008 e Londra 2012) oltre al campionato del Mondo del 2015 in Canada.

Ad un anno dal ritiro, nel corso di un’intervista al quotidiano portoghese Expresso, lancia le accuse di cui sopra e aggiunge: “In quel momento ero scioccata, ma ho dovuto riprendermi rapidamente per consegnare alla mia compagna di squadra Abby Wambach il Pallone d’Oro.

“È stato un gesto orribile da parte di Blatter, ma in quel momento non sono riuscita a dirgli in faccia: ‘Non mi toccare mai più’. A quel tempo era l’uomo più potente nel mondo dello sport, ma gli abusi sessuali e i comportamenti inadeguati nei confronti delle donne esistono a ogni livello nel mondo sportivo femminile, ed è ora che si metta la parola fine a tutto questo”.

Sepp Blatter, 81 anni, è stato presidente FIFA per 5 mandati ed il suo “regno” si è concluso solo dopo la condanna per una vicenda di fondi neri versati a Platini, pure lui costretto a lasciare la sua poltrona UEFA e a rinunciare alla corsa per la successione allo stesso Blatter.

L0ex ufficiale dell’esercito svizzero era stato criticato per le sue parole riguardanti le calciatrici nel 2004, quando suggerì di usare mise più succinte per accrescere l’interesse del pubblico.

LEGGI ANCHE: Rio 2016, la Nazionale Usa di calcio femminile va fuori. Hope Solo: “Svedesi codarde”

LEGGI ANCHE: Scandalo sessuale nella Svezia di Ibrahimovic: “Tre giocatori mi hanno mandato la foto del pene”


Condividi:


Commenti