La “minaccia” di Adriano, l’Imperatore dell’Inter: “Torno in campo”

La “minaccia” di Adriano, l’Imperatore dell’Inter: “Torno in campo”
12 ottobre 2017

A 35 anni suonati, l’ex Imperatore dell’Inter, alias Adriano, vuole tornare in campo. E in un campionato professionistico.Il suo è l’ennesimo tentativo (inutile) di riprendere una carriera buttata.

“Mi sto preparando per un nuovo progetto – dice il brasiliano – e per ricominciare ad allenarmi di nuovo, senza nessun club, per tutto il mese di gennaio. Da quando mi sono fermato, ho continuato a mantenere il mio corpo. Sono disposto a farlo, so che ho molta persistenza. Lo voglio fare per me, per dimostrare che posso spingermi ancora al limite e, a quel punto, dire se riesco o meno a continuare a giocare”.

Fin qui i propositi, poi il rimpianto: “So che non sono riuscito a fare il massimo nella mia carriera, alcune cose mi hanno fatto stufare del calcio. Posso dire di essermi fermato a metà strada”. Autocritica giusta. “Se non avessi avuto una famiglia strutturata come la mia, avrei facilmente potuto prendere la strada sbagliata. Mio padre prese una brutta botta in testa quando io avevo 10 anni – commenta Adriano -. Che ne sarebbe stato di Adriano se mio papà fosse morto lì? Quando venne a mancare per davvero, sono stato molto male per molti mesi. Ero all’Inter ed ho preferito tornare in Brasile“.

L’addio all’Inter e all’Itialia, Adriano la spiega con la nostalgia di casa: “Ero venuto in Brasile per una partita della Nazionale e nel frattempo sono tornato nella mia comunità, ho fatto una settimana lì: giravo scalzo, senza camicia, facendo il barbecue…per questo motivo scappai dall’Inter”.



Leggi anche:
Il derby di Manchester finisce in rissa. Lite tra Mourinho e Ederson. Lukaku ferisce Arteta
Commenti