Handanovic: “Altri 4 anni con l’Inter ma gioco fino a 40 anni”

Handanovic: “Altri 4 anni con l’Inter ma gioco fino a 40 anni”
12 ottobre 2017

Samir Handanovic ha già il contratto in tasca con l’Inter per altri 4 anni. Lo rivela in una intervista alla Gazzetta dello Sport. “Sì, può essere un’opzione – dice il 33enne portierone di Lubiana attraverso la pagina Facebook del club nerazzurro – ma non mi pongo limiti perché non si sa mai cosa accadrà. L’unico obiettivo è giocare fino a 40 anni, come e dove si vedrà”.

In sede, corso Vittorio Emanuele, il nuovo contratto aspetta solo di essere firmato dal più italiano degli sloveni. Sesta stagione all’Inter, in Italia da tredici anni, “tanto che ormai penso in italiano anche nella vita di tutti i giorni, sto benissimo qui, non l’ho mai nascosto”, ha raccontato più volte. Aveva 20 anni quando l’Udinese decise di portarlo in serie A. E prima della maglia dell’Inter Samir ha vestito anche quelle di Treviso, Lazio e Rimini.

L’Inter, continua il quotidiano, ha fatto la prima mossa. La proposta di Sabatini e Ausilio è un contratto fino al 2021, quando Samir avrà 37 anni: numeri alla mano potrebbe arrivare non lontanissimo da Walter Zenga, primatista nerazzurro fra i portieri con 473 presenze, 328 delle quali in Serie A. Dovesse invece giocare da protagonista fino a 40 anni, Samir metterebbe seriamente nel mirino anche il regno di Walterone. Oggi lo sloveno è a quota 213 gettoni, 188 in serie A. Gli manca il palcoscenico europeo che spera però di recuperare stabilmente fin dalla prossima stagione.

Solo 18 presenze oltreconfine da quando è arrivato a Milano, e sempre in Europa League. E pensare che nell’estate del 2012 disse sì a Massimo Moratti proprio per potersi confrontare con i grandi d’Europa. Dietro a Zenga ci sono Ivano Bordon (382 presenze, 281 in A), Julio Cesar (300-228), Pagliuca (234-165) e Toldo (233-147). In pratica, a livello di presenze in campionato Handanovic potrebbe salire sul podio già l’anno prossimo ai danni di Julio Cesar. La top five limitata alla serie A oggi dice infatti Zenga in testa, Bordon a ruota, quindi Julio Cesar, Franzosi (191 presenze), Handanovic e Ghezzi (186).



Leggi anche:
Spalletti: "Al San Paolo l'Inter non si tirerà indietro". E il Napoli si complimenta... per la battuta
Commenti