Disastro Juventus, doppio Messi e Rakitic. Allegri masochista mette Sturaro sulla fascia

Disastro Juventus, doppio Messi e Rakitic. Allegri masochista mette Sturaro sulla fascia
12 settembre 2017

Juventus seccamente sconfitta a Barcellona, 3-0 per i padroni di casa con doppietta di uno scatenato Messi e in mezzo il goal di Rakitic. Non iniziano male i bianconeri ma i catalani crescono gradualmente e fa ammattire una retroguardia bianconera apparsa comunque non granitica.

Farà discutere ancora tra le altre decisioni anche quella di lasciare addirittura fuori dalla lista Champions Lichtsteiner visto che dopo l’infortunio di De Sciglio il tecnico non trova di meglio che piazzare Sturaro sulla fascia.

Quasi tutta la squadra però non convince, si salva giusto Pjanic. Si paga anche il modulo diverso (4-3-3) e ancora non ben digerito dalla maggior parte degli interpreti, ma la Juventus è sembrata mancare di mordente e personalità.

Douglas Costa dopo un tempo pare aver esaurito la benzina e a lungo pare inconcludente. Male Dybala che va vicino alla marcatura solo sul 3-0 ma per il resto non si fa valere, così come un Higuain forse anche appesantito (nel senso letterale del termine).

Proponiamo goal, highlights e le pagelle dei giocatori della Juventus.

Buffon, 6. Incolpevole sul gol subito da Messi, nel primo tempo gran colpo di reni su Suarez. Un mezzo pasticcio nell’occasione del quarto goal annullato al Barcellona, nel mezzo 3 goal in cui è sostanzialmente incolpevole.

De Sciglio, 6. Il voto è la media fra il gran tiro che impegna Ter Stegen e il passaggio-suicidio a Dembele. Su un contrasto con Iniesta si fa male.

Benatia, 5,5. Bene per 40′, poche sbavature, fase aerea autorevole. Dall’1-0 in poi sembra crollare anche psicologicamente, come i compagni di reparto in sintesi lascia il campo a Messi per la terza marcatura.

Barzagli, 5. Sembra arrivato ormai a quel punto della carriera in cui la classe non riesce più a compensare il calo fisico. Nettamente il miglior difensore italiano del dopo Nesta-Cannavaro, ma non tiene più il passo degli avversari e lo si è visto soprattutto in occasione del primo goal.

Leggi anche:
Dybala "Re" dei gol e supera anche Messi: in Europa nessuno ha fatto meglio di lui

Alex Sandro, 5,5. All’inizio qualche difficoltà, poi prende le misure a Dembele ma non si fa vedere moltissimo in fase offensiva e al cross. Dalla sua parte messi costruisce il goal del raddoppio.

(dal 40′) Sturaro, 5. Si ritrova piazzato fuori ruolo, lui che non ha nemmeno un gran piede (e infatti non produce cross pericolosi ). Sul 2-0 salva sulla linea ma non riesce a far di meglio che rimetterla in mezzo. Il fantasma di Lichtsteiner (in fase calante, ma comunque più solido) aleggia sulla fascia. E, ci si consenta, anche quello di Dani Alves.

Pjanic, 6. Sembra trovarsi decisamente più a suo agio in un centrocampo a sé, dove i compiti difensivi sono meglio distribuiti. Buona la sua regia e si rende pericoloso al tiro in un’occasione. Poi cala come tutti gli altri).

Bentancur, 5,5.  Si fa vedere mostrando di non risentire troppo della giovane età né del fatto di essere debuttante in Champions. Quel che lo frena invece è il giallo, poi anche lui cala.

(dal 62′ Bernardeschi), 5,5. Non riesce a mettersi in luce, anche se ha l’attenuante di avere intorno compagni forse non troppo convinti di poter rimontare. Di certo non cambia le sorti dell’attacco bianconero.

Matuidi, 5. Deve trovare la misura negli interventi sull’avversario. Ancora non perfettamente integrato nei meccanismi di squadra. Assente nella ripresa.

Dybala, 5. Stridente il contrasto fra il campionato (5 goal in 3 partite9 e quanto visto stasera. Si ricordano due tiri, quello buono arriva a giochi già chiusi. Forse deve anche adattarsi al 4-3-3, ma in generale male stasera.

Higuain, 5. Non troppi palloni giocabili, ma lui si fa vedere pochissimo. E, sia detto con franchezza, perdere 2-3 chili non gli farebbe male. Probabilmente il peggiore in campo assieme a Sturaro.

Leggi anche:
Batistuta alla tv della Fifa: "Restare alla Fiorentina la scelta migliore della mia vita"

Douglas Costa, 5. Per buona parte del primo tempo spinge parecchio ma spesso perdendosi un po’ al momento topico, complicandosi la vita da solo. Cala alla distanza, anche se nella ripresa mette una buona palla in mezzo.

(dall’88’) Caligara, s.v.

Allegri, 5. Colpisce la mancanza di personalità della squadra dopo il vantaggio avversario. Ci sembra difficile che Asamoah potesse far peggio di Sturaro sulla fascia. Vede la pochezza offensiva senza intervenire, se non a partita finita con il rimprovero ad Higuain. Ma la scossa sarebbe servita durante la partita. Giocatori ancora spaesati col 4-3-3?

Da rivedere i rifornimenti alle punte e Higuain è stato troppo statico. Si tratta solo della prima partita ma la Juventus sembra aver fatto due passi indietro rispetto alla scorsa stagione, almeno in campo europeo.

TABELLINO

BARCELLONA-JUVENTUS 3-0 (44′ e 69′ Messi, 56′ Rakitic)

BARCELLONA (4-3-3): Ter Stegen; Semedo, Piqué, Umtiti, Jordi Alba; Rakitic (77′ Paulinho), Busquets, Iniesta (83′ André Gomes); Dembele (70′ Sergi Roberto), Suarez, Messi. All. Valverde.

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; De Sciglio (40′ Sturaro), Barzagli, Benatia, Alex Sandro; Bentancur (62′ Bernardeschi), Pjanic, Matuidi; Dybala, Higuain (88′ Caligara), Douglas Costa. All. Allegri.

AMMONITI: Semedo, Messi; Bentancur, Barzagli, Pjanic, Caligara.

 



Leggi anche:
Higuain è un caso. Allegri lo difende ma in campo è inguardabile!
Commenti
array(12) { [0]=> int(83292) [1]=> int(83034) [2]=> int(82882) [3]=> int(82762) [4]=> int(82762) [5]=> int(83786) [6]=> int(83753) [7]=> int(83731) [8]=> int(83731) [9]=> int(83801) [10]=> int(83792) [11]=> int(83773) }