Prova il cucchiaio su rigore al 95′ ma sbaglia e la squadra perde, l’ira dei compagni

Prova il cucchiaio su rigore al 95′ ma sbaglia e la squadra perde, l’ira dei compagni
22 agosto 2017

Il club rumeno della Juventus Bucarest stava perdendo 1-2 quando al 95′ le viene fischiato un rigore a favore, va sul dischetto George Calintaru che pensa bene di provare il “cucchiaio” ma gli va malissimo, arriva pioggia di fischi e”buuu” ma anche l’ira dei compagni.

La squadra di casa, che s’ispira nel nome e nel logo ai bianconeri di Torino, trova con l’ultimo assalto l’occasione d’oro per acciuffare il pareggio contro il FCSB (nuovo nome della Steaua Bucarest), il rigore assegnato per un fallo di mano in area.

Va sul dischetto l’esterno difensivo Calintaru che, volendo forse emulare colleghi più famosi (ma anche molto più dotati tecnicamente), spedisce il morbido pallonetto direttamente nelle braccia di
Nita Florin.

Arrivano subito fischi e “buu” di disapprovazione, un compagno gli dà uno spintone che (vedere per credere) è tutt’altro che di consolazione o conforto. Anche il commentatore rumeno accenna ad Aguero, come a criticare l’attitudine di grandeur del giocatore.

Sbollita la rabbia di compagni in campo e panchina, Calintaru verrà infine confortato, ma non da tutti: uno dei giocatori tira la bottiglietta a terra, un altro continua a spintonarlo e dev’essere trattenuto, fino a quando decide di andarsene via per evitare che il nervosismo abbia la meglio.

Nel frattempo, il pubblico ha continuato ininterrottamente con fischi e “buu”. Il destino della giocata difficile nel momento cruciale: applausi e ammirazione se va bene, altrimenti… Calintaru ne sa qualcosa, adesso.



Leggi anche:
Non riesce a dire "effettuare": la comica telecronaca di Juve Stabia-Trapani
Commenti
array(12) { [0]=> int(81912) [1]=> int(83034) [2]=> int(82882) [3]=> int(82762) [4]=> int(82762) [5]=> int(83786) [6]=> int(83753) [7]=> int(83731) [8]=> int(83731) [9]=> int(83801) [10]=> int(83792) [11]=> int(83773) }