Rafa Marquez dal Verona al narcotraffico: sequestrati i beni del giocatore messicano

Rafa Marquez dal Verona al narcotraffico: sequestrati i beni del giocatore messicano
10 agosto 2017

Rafa Marquez nel mirino del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Il difensore, per sette anni difensore del Barcellona, è stato inserito nella lista di 22 persone sanzionate dagli USA per presunti legami con un’organizzazione di trafficanti di stupefacenti.

Per lui e per le altre persone e società coinvolte è stato disposto il blocco dei beni negli Stati Uniti, oltre al divieto per i cittadini statunitensi di fare affari con il messicano. Rafa Marquez, 38 anni, nel 2014 a Verona, gioca adesso nell’Atlas di Guadalajara ed è capitano della nazionale messicana. Secondo le accuse, frutto di un’inchiesta durata anni sulla organizzazione guidata da Raul Flores Hernandez a Guadalajara, che ha stretti contatti con i cartelli di Sinaloa e Jalisco, Rafa Marquez “avrebbe stretti rapporti con Flores Hernandez e avrebbe agito come prestanome per lui e la sua organizzazione, detenendo anche beni per suo conto”.

Secondo il Dipartimento del Tesoro a stelle e striscia, il calciatore sarebbe “amico di lunghissima data del narcotrafficante tanto da avere intestate alcune società del boss della droga messicano, che lavorava da solo ma aveva rapporti con i cartelli. Nella lista delle 22 persone c’è anche il cantante Julion Alvarez, pure lui prestanome di attività illecite.



Leggi anche:
Allegri, Conte e Ancelotti in corsa per il Fifa best coach. Ma nessuno è come Zidane
Commenti