Coppa d’Estonia, il Levadia passa in vantaggio senza mai toccare palla

Coppa d’Estonia, il Levadia passa in vantaggio senza mai toccare palla
10 agosto 2017

Nella partita di Coppa d’Estonia fra il Tallin Levadia e il Paide Linnameeskond la squadra di casa passa in vantaggio senza mai toccare la palla: dopo un fraseggio e una serie di passaggi all’indietro del Paide la palla finisce in rete quando il portiere Karofeld si fa sorprendere dal retropassaggio di Kase per l’autogol dopo appena 15 secondi.

Il Levadia (la squadra verde) passa dunque in vantaggio senza che nessuno dei suoi giocatori abbia toccato la palla.

Peraltro l’incredibile marcatura ricorda per contrasto quella dell’Olanda nella finale di Coppa del Mondo del 1974, poi vinta 2-1 in rimonta dai Teutonici. Allora gli Orange furono in grado di segnare al 2′ dopo una serie di passaggi precisi che si concluse quando uno degli avversari commise fallo in area: rigore trasformato da Neeskens.

Se quello fu un saggio di bravura, questo del Paide è al massimo un saggio… di broccaggine, sia da parte del difensore, il cui appoggio è fuori misura, che (soprattutto) del portiere, alquanto distratto e non reattivo.

Per la cronaca, il match terminerà 3-1, il Levadia passa il turno in gara unica accedendo agli ottavi della Eesti Karikas. Partita già di fatto chiusa un minuto dopo l’autogol: gli ospiti, forse ancora in stato confusionale, subiscono subito un altro goal, questa volta lasciando che sia l’altra squadra a prendersi il disturbo di segnarselo…



Leggi anche:
Minuto di silenzio di Barcellona e Espanyol prima dell'allenamento per le vittime della Rambla
Commenti