Inter-Wattens 2-1, si mettono in mostra alcuni giovani e Spalletti prova uno schema per tempo

Inter-Wattens 2-1, si mettono in mostra alcuni giovani e Spalletti prova uno schema per tempo
9 luglio 2017

La prima uscita dell’Inter di Spalletti termina con la vittoria per 2-1 sugli austriaci del Wattens: i goal di Pinamonti e di Matteo Rover in zona Cesarini, nel mezzo almeno altre due occasioni d’oro sprecate.

Nell’intervallo intervista a Pinamonti: “L’affetto di tutti i tifosi è fantastico. Sono contento di aver fatto gol. Stiamo lavorando bene ma è la prima partita e siamo molto stanchi, come è normale. L’anno scorso avevo sbagliato un rigore alla prima partita, ci tenevo a rimediare”.

Questa la formazione dell’Inter nel primo tempo (4-4-2): Handanovic, Murillo, Miranda, Ranocchia, Sala; Biabiany, Emmers, Kondogbia, Rivas; Baldini, Pinamonti.

E questa l’Inter del secondo tempo (4-3-3): Padelli; Valietti, Ranocchia, Vanheusden, Rivas: Emmers, Danso, Zaniolo; Rover, Longo, Odgaard.

Salta l’impegno Belloni per un problema intestinale. Austriaci modesti ma più avanti nella preparazione (il loro campionato comincia il 21 luglio).

Al 27′ l’attaccante della primavera, che già ha fatto l’esordio in prima squadra, conclude un’azione del giovane Sala, esterno sinistro (tra i più positivi oggi) con una conclusione a filo d’erba dal limite.

Poco dopo potrebbe arrivare il raddoppio: Biabiany dalla fascia mette in mezzo ma Rivas spreca da distanza ravvicinata. Ancora vicini al goal al 68′: dalla destra Rover crossa per Zaniolo, il cui colpo di testa si stampa sul palo.

Al 75′ Zangerl conclude sottoporta un’azione condotta sull’esterno di destra nerazzurro. Goal vittoria all’86 su azione d’angolo: prima Vanhausden colpisce la traversa, il più lesto ad avventarsi sul pallone l’esterno offensivo Matteo Rover.

Oltre al già menzionato Sala, tra i più positivi Zinho Vanhausden, il 18enne protagonista nella finale Primavera che non a caso Spalletti segue con particolare attenzione; si fa vedere più volte anche Zaniolo.

L’Inter cerca anche più volte la verticalizzazione con Emmers. Murillo provato esterno “alla Rudiger”, ma nella scelta possono aver pesato le tante assenze. Nella ripresa 4-3-3, modlo che potrebbe tra l’altro essere più confacente a Borja Valero, atteso all’inizio della prossima settimana.

Applausi dei numerosi presenti (malgrado i prezzi alti) per un tentativo di Kondogbia, che ha parlato ai microfoni: “Sempre un piacere venire qui, c’è sempre tanta gente. Abbiamo fatto pochi allenamenti ma ma mi sono trovato bene con Spalletti, abbiamo cercato anche di lavorare di più con la palla”.

Le impressioni del tecnico: “Sono molto soddisfatto soprattutto per quel che riguarda l’impegno, visto che ci eravamo allenati stamattina. Quando si vuol comandare il gioco è necessario partire palla al piede da dietro, i due centrali diventano fondamentali per riuscire a verticalizzate nel settore centrale, da questo settore possono arrivare più soluzioni ed è lì che insisteremo di più. Le impressioni sono giuste, ma questa è una partita arrivata dopo pochi allenamenti”.

Lo streaming del match integrale:


Condividi:


Commenti