Borja Valero ai saluti, andrà all’Inter: ma lo spagnolo è davvero meglio di Banega?

Borja Valero ai saluti, andrà all’Inter: ma lo spagnolo è davvero meglio di Banega?
7 luglio 2017

Arriva anche l’addio ufficioso di Borja Valero alla Fiorentina: il regista spagnolo passerà all’Inter per 5,5 milioni più 1,5 di bonus, per lui contratto triennale da 3 milioni + gli immancabili bonus.

Le visite mediche per i nerazzurri potrebbero essere effettuate già lunedì, ma tra tifosi non sembra trapelare entusiasmo: in molti non hanno compreso la mossa di cedere Banega per acquistare un altro regista che appare inferiore all’argentino.

Per i sosstenitori viola rimane l’amarezza di vedere andar via un altro elemento importante della squadra. E dopo Valero potrebbe essere la volta in uscita di Bernardeschi e Kalinic: due addii con minori contenuti emotivi ma probabilmente con maggiori conseguenze sul piano tecnico.

Per l’Inter si tratta di fatto di un avvicendamento in cabina di regia: fuori Banega passato al Siviglia per 9 milioni, dentro lo spagnolo: operazione che ha lasciato perplessi diversi sostenitori della Beneamata, già comprensibilmente ben poco partecipi in occasione del raduno della squadra.

Finora Suning, anche per le note questioni del financial fair play (servivano 30 milioni entro il 30 giugno per gli impegni assunti a suo tempo da Thohir con la UEFA), non si è spinta al di là dell’acquisto di alcuni giovani (che non pensano in termini di fair play), in un paio di casi con grande esborso, e del secondo Padelli, oltre a Skriniar, costato oltre 30 milioni.

Sullo slovacco (inserito nella formazione ideale dell’Europeo under 21) il giudizio è sospeso, sulla campagna nel suo complesso ci sono già mugugni, pur con il distinguo di molti che predicano calma.

Rimane però la questione delle porte girevoli in regia, che in tanti si spiegano con le manovre in ottica fair play per evitare di cedere Perisic (Banega è andato ad alleggerire il precedente bilancio).

Nelle 28 partite di campionato da lui disputate Banega ha messo a segno 6 reti e totalizzato anche 8 assist, regalando in qualche occasione colpi di classe.

Di contro Borja Valero nelle 166 partite in serie A ha realizzato 14 goal, 40 gli assist per i compagni: 0,08 reti e 0,24 assist in media per partita, a fronte di quelle di Banega rispettivamente di 0,21 e 0,28.

Insomma, l’argentino ha numeri migliori e di molto nelle marcature e fa meglio persino nella “specialità della casa” dello spagnolo.

Si dirà: Banega è stato spesso accusato di scarsa mobilità. Difficile però sostenere che l’ormai ex viola, 32 anni (3 anni in più del giocatore tornato al Siviglia) e contratto di 3 anni possa garantire grandissima mobilità.

L’impressione è che appunto le manovre di Sabatini per scongiurare la cessione di Perisic abbiano avuto un ruolo in questo avvicendamento.

Beffa delle beffe se poi dovesse arrivare comunque anche la cessione del croato, che spinge molto per il passaggio allo United e ha rifiutato la proposta di rinnovo con aumento da 3 a 4 milioni e prolungamento del contratto di un anno.


Condividi:


Commenti