Due morti alla Targa Florio: nell’incidente perdono la vita un pilota e un commissario

La Mini Cooper degli Amendolia uscita di strada alla Targa Florio
La Mini Cooper degli Amendolia uscita di strada alla Targa Florio
21 aprile 2017

Tragedia alla Targa Florio, la gara di rally che si corre in Sicilia, sulle strade delle Madonie. Nel corso della seconda giornata della corsa sono morte due persone, un commissario di gara e un pilota. Vicino a Piano Battaglia, la Bmw Mini Cooper della coppia Gemma Amendolia-Mauro Amendolia ha sbandato travolgendo il commissario di percorso sul ciglio della strada Giuseppe Laganà.

Il pilota Mauro Amendolia, 53 anni, di Messina è morto, mentre la figlia, Gemma, di 27 anni, è stata ricoverata in gravi condizioni nell’ospedale Madonna dall’Alto di Petralia Sottana (Palermo) La gara è stata ufficialmente annullata. Le condizioni della strada erano davvero difficili per la pioggia e il nevischio caduti nelle prime ore del mattino e testimoniati nelle foto diffuse dall’organizzazione e dai piloti.

L’incidente si è verificato intorno alle 12.30 a Isnello al km 10+500 in località Piano Torre. Si stava svolgendo la prova speciale 3 “Piano Battaglia 1”. Non è il primo incidente mortale della Targa Florio. Nel giugno del 2012 perse la vita il 24enne Gareth Roberts, navigatore di Craig Breen, uscito invece illeso. La Targa Florio, che è considerata la corsa su strada più antica del mondo, è valida per il Campionato Italiano Rally e per l’Intercontinental Rally Challenge.



Leggi anche:
Robert Kubica torna in Formula 1? "Sono pronto, s'è riaccesa la luce"
Commenti
array(12) { [0]=> int(69453) [1]=> int(79579) [2]=> int(79565) [3]=> int(79330) [4]=> int(79330) [5]=> int(79733) [6]=> int(79688) [7]=> int(79685) [8]=> int(79685) [9]=> int(79755) [10]=> int(79738) [11]=> int(79727) }