Icardi si prende l’Inter ma il ct dell’Argentina lo boccia: “È la terza scelta”

Icardi si prende l’Inter ma il ct dell’Argentina lo boccia: “È la terza scelta”
23 dicembre 2016

L’Inter è sempre più targata Mauro Icardi. Dopo la doppietta alla Lazio, il centravanti argentino ha segnato 61 gol con la maglia nerazzurra in campionato, solo un meno di Diego Milito, un idolo a San Siro, uno dei “mitici” del Triplete di Mourinho.

Eppure il commissario tecnico dell’Argentina, Bauza, lo snobba offuscandone la felicità: “Il centravanti titolare della Seleccion è Higuain e, dietro di lui, c’è Pratto. Icardi sarà convocato se succede qualcosa a qualcuno di questi due perché lui è il terzo in gerarchia”, ha dichiarato il “padrone” della panchina dell’Albiceleste. Una presa di posizione inconcepibile quella del tecnico argentino visto che, tra tutti, Icardi è il più giovane (appena 24 anni) ed è in lizza per vincere per la seconda volta la classifica dei marcatori in serie A dopo quella nella stagione 2014-2015 con 22 reti in coabitazione con Luca Toni. Insomma Maurito non è proprio uno qualunque: finora ha realizzato 6 doppiette (4 in casa e due in trasferta) arrivando a quota 14 e riportando l’Inter in zona Champions con soli 5 punti di svantaggio sul Napoli.


Condividi:


Leggi anche:
La verità sulla testata di Zidane a Materazzi: parla l'arbitro di Italia-Francia Helizondo
Commenti