Search
Berlusconi con gli ex campioni del Milan

Milan, il closing slitta al 15 gennaio? Ma Berlusconi vuole altri 100 milioni di caparra

Il closing del Milan potrebbe essere rinviato: niente 13 dicembre come prospettato finora e operazione posticipata al 15 gennaio. A patto, però, che i cinesi della Sino Europe Sports versino almeno altri 100 milioni di caparra. A quanto sembra ci sarebbe stata la richiesta degli investitori asiatici di posticipare la chiusura delle trattative e di questo stanno discutendo i manager della Finivest e alcuni rappresentanti del fondo cinese che dovrebbe acquistare il club rossonero. Silvio Berlusconi aveva già dato la sua disponibilità ad allungare i tempi al massimo per un mese e mezzo ma aveva chiesto un nuovo versamento dopo i 100 milioni già pagati il giorno della firma del preliminare. Anche da parte cinese ci sarebbe la stessa apertura ad accettare le richieste del presidente del Milan: le parti stanno appunto discutendo per ratificare il nuovo accordo. Secondo la Gazzetta dello Sport “il vertice tra Fininvest e Sino Europe Sports si è svolto nel pomeriggio negli uffici milanesi della holding tra i dirigenti e gli avvocati dell’azienda di famiglia Berlusconi e i legali e rappresentanti della cordata cinese. La richiesta di Fininvest è, dunque, quella di raddoppiare la caparra da versare a fronte della richiesta di allungare i tempi della chiusura dell’affare. Dunque, si continuerà a lavorare per trovare un’intesa completa, anche perché al momento non ci sono altre trattative in piedi per la cessione visto che l’accordo raggiunto nei mesi scorsi prevedeva l’esclusività. Almeno fino al 13 dicembre”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *