Juve, la storiella di Evrà: “Quando mi chiesero una foto in chiesa”

Juve, la storiella di Evrà: “Quando mi chiesero una foto in chiesa”
19 ottobre 2016

L’allegria e l’entusiasmo in casa Juve si misurano anche da episodi, se vogliamo, secondari. Come per la storiella di Patrice Evrà che sul volo di ritorno a Torino, da Lione, ha raccontato di quando, in chiesa, un tifoso ha interrotto le sue preghiere per chiedergli una foto: “Fino alla fine, sì, ma non in chiesa”, ha detto il francese, facendo ridere Paulo Dybala e Gonzalo Higuain seduti accanto a lui. Si sta scoprendo un Evrà sempre più mattacchione, coi video che posta sui sui profili social e questo segue quel filone. “Ho un messaggio importante per i tifosi della Juve: l’altra volta sono andato in chiesa, stavo pregando con il capo chino e gli occhi chiuso e ho sentito una mano sulla spalla. Ho pensato che fosse Gesù Cristo che è sceso dalla croce, mi sono voltato ed era un tifoso che mi ha chiesto una foto. Allora, fino alla fine, sì, ma non dentro la chiesa”. 

 

 



Leggi anche:
Netflix promuove "The Defenders", nello spot Darmian, Zanetti e Chiellini
Commenti