Search
Diego Costa chiede la sostituzione

Chelsea, ecco cosa avrebbe detto Diego Costa a Antonio Conte durante la lite negli spogliatoi

Tensione alle stelle tra Antonio Conte e l’attaccante Diego Costa che, nel corso della partita vinta con il Leicester, ha platealmente contestato il manager italiano. In un primo momento il battibecco sembrava essere stato provocato dalla volontà del tecnico di sostituire il giocatore, diffidato, in maniera da evitargli il quinto cartellino giallo della stagione che avrebbe significato una giornata di squalifica. In realtà, stando alle ricostruzione dei giornali spagnoli, le cose sarebbero andate diversamente e la discussione sarebbe degenerata in una vera e propria lite all’interno dello spogliatoio dei “Blues”.

“Se non ti piace come gioco, mi puoi sempre sostituire”, avrebbe detto Diego Costa, brasiliano naturalizzato spagnolo, all’ex c.t. azzurro. In particolare l’attaccante si sarebbe innervosito per i continui richiami di Conte per una maggiore attenzione ai movimenti sotto il profilo tattico, indicazioni che il 28enne centravanti avrebbe mal digerito scagliandosi contro il tecnico dopo la partita. Urla e strepiti sarebbero volati all’indirizzo di Conte che avrebbe risposto per le rime: “Questa è l’ultima volta che ti rivolgi in pubblico e in questa maniera nei miei confronti”, avrebbe tuonato il manager ma il giocatore avrebbe risposto di essere pronto a lasciare il club “se non ti piace il mio atteggiamento”, è la ricostruzione del concitato faccia a faccia. Una scena ad alta tensione che, secondo i beni informati, si sarebbe già più volte ripetuta nel corso di questa stagione. Fonti del club hanno smentito questa versione dicendo che tutto è finito in campo ma non è un mistero che Diego Costa ha voglia di tornare nella Liga, e precisamente all’Atletico Madrid. Ma il Chelsea non ha nessuna intenzione di privarsi per il momento di un elemento in grado di segnare 7 gol nelle 8 partite di Premier League fin qui disputate.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *