Search
Maurizio Sarri

Champions, il Napoli ma Sarri non aspetta Gabbiadini: “Deve adattarsi lui alla squadra”

Il Napoli è pronto a rituffarsi nel clima della Champions League per dimenticare con il Besiktas le due sconfitte di fila in campionato. Maurizio Sarri avverte però di non sottovalutare i turchi: “Il Besiktas è un avversario forte, che riesce sempre a restare in partita, quindi bisognerà fare una grande gara. Ci brucia ancora la sconfitta con la Roma, giocare subito in queste situazioni è abbastanza positivo. Preoccupato? Non abbiamo fatto una delle nostre migliori prestazioni, ma è stata una gara con occasioni da ambo le parti. Abbiamo analizzato la partita con grande serenità, può succedere di non fare una buona prestazione ma dobbiamo evitare di ripetere stessi errori. Sono fiducioso.

Mancherà Albiol, ci sarà invece Gabbiadini affiancato da Callejon e Mertens. Il tecnico partenopeo, però, chiarisce la sua posizione nei confronti del centravanti che sta cercando di conquistare un posto da titolare senza fare rimpiangere l’infortunato Milik: “Non ho avuto un colloquio individuale con lui, ho parlato con tutta la squadra rivedendo le immagini della partita con la Roma. Ci sono stati errori di attenzione – dice Sarri che poi lancia una frecciata al giocatore -. Non si deve adattare a me, ma alle caratteristiche del Napoli. Nessun tecnico per un giocatore ne sacrifica 7 o 8”. Il messaggio è chiarissimo: in questo momento Gabbiadini non è in linea con la filosofia dell’ex allenatore dell’Empoli: “La squadra ha un modo di giocare che io non ho imposto – aggiunge Sarri – ma ho accompagnato per le caratteristiche che hanno esterni e centrocampisti. Nessuno vuole andare contro le caratteristiche di un giocatore, ma spostarsi di qualche metro non significa passare dal 100% del rendimento al 50%”, dice riferendosi a Manolo.

Il Napoli potrebbe diventare la prima squadra a centrare la qualificazione dalla fase a gironi di Champions League dopo appena tre giornate, un record che stuzzica: “In Europa si trovano grandi motivazioni anche se non credo che ci siano squadre sprovvedute che non studiano il Napoli. Spero – ha concluso il tecnico – che i ragazzi abbiano entusiasmo, lucidità e che giochino con determinazione, senza errori tattici ed individuali”.

 

 

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *