La camorra dietro la squalifica di Pantani dal Giro del 1999

La camorra dietro la squalifica di Pantani dal Giro del 1999
25 settembre 2015

Ci fu la camorra, dietro la squalifica di Marco Pantani dal Giro d’Italia del 1999. Lo scrive Francesco Ceniti sulla Gazzetta dello Sport.

Il quotidiano rivela l’esistenza di una intercettazione di un affiliato alla camorra: la criminalità organizzata avrebbe pianificato e portato a termine l’esclusione del Pirata dalla corsa rosa, per motivi economici legati al giro delle scommesse gestite dalla criminalità organizzata.

Pantani fu sospeso dal Giro il 5 giugno del 1999, ufficialmente per un valore di ematocrito (51,9) oltre la soglia consentita (50). Non è una novità la pista della camorra “regista”, spiega la Gazzetta, nello stop di Pantani. Spunta già nel 1999: a raccontarla è Renato Vallanzasca, capo della banda della Comasina. Nella sua biografia, uscita pochi mesi dopo il 5 giugno, racconta: “Un membro di un clan camorristico, mio vicino di cella, mi consigliò fin dalle prime tappe di puntare tutti i soldi che avevo sulla vittoria dei rivali di Pantani. Alle mie obiezioni sulla forza dimostrata in salita dal Pirata, rispondeva: “Non so come, ma il pelatino non arriva a Milano. Fidati. Se vuoi ti presto io i soldi, se perdi non mi devi nulla. Perché lo faccio? Sei Vallanzasca…”. Non puntai neppure 100 lire, ma la mattina di Campiglio quel detenuto venne da me tutto soddisfatto. “Che ti avevo detto? Pantani è stato squalificato, dovevi darmi retta”. Rimasi di stucco”. Vallanzasca fu ascoltato subito dopo dal pm Giardina che coordinava la prima inchiesta su Campiglio, ma senza ricevere indicazioni: “Nomi non ne faccio, quelli mi ammazzano”, la risposta del bel René.

Nel febbraio 2014, a 10 anni dalla morte del romagnolo, Vallanzasca è intervistato da una giornalista di Mediaset. In quella occasione si lascia andare a qualche confidenza in più, apre una porticina con vista camorra. In quel pertugio s’infilano i carabinieri chiamati a indagare di nuovo sul 5 giugno 1999. È la Procura di Forli nel settembre 2014 a riaprire il caso: inchiesta coordinata dal procuratore Sergio Sottani e affidata al pm Lucia Spirito. Vallanzasca è sentito per diverse ore, messo alle strette dopo l’intervista tv. Alla fine si arriva a una rosa di due o tre nomi. I carabinieri scendono verso Sud a interrogare queste persone, ma tutti negano di essere l’uomo indicato da Vallanzasca. Ma ecco la coincidenza: chi ha mentito non sa di essere sotto osservazione per una inchiesta importante sulla criminalità. In tutta tranquillità si apre con una persona di fiducia: “Certo che la storia di Vallanzasca è vera, pensavo fosse un uomo d’onore e invece è un pezzo di mer… Parlare con i carabinieri…”.

In Procura sono sfilati diversi testimoni e persone informate sui fatti. I carabinieri hanno sentito ciclisti come Gotti e Savoldelli, direttori sportivi, autisti e tanti altri. Quel 5 giugno è stato vivisezionato e sarebbero emerse tante incongruenze sospette. E lo scorso maggio sono stati interrogati per ore anche i tre medici e l’ispettore che effettuarono il prelievo del sangue su Pantani. Perché chiaramente ora è quel controllo a finire sotto esame. Il procuratore Sottani ha parlato espressamente di una ipotesi (la deplasmazione del sangue) che potrebbe essere stata usata per alzare l’ematocrito di Pantani. I carabinieri hanno raccolto altre informazioni importanti: ci sarebbero persino delle minacce ricevute da un testimone chiave.
Ora da Napoli è arrivato l’asso che forse potrebbe far decollare le indagini. Nessuna ipotesi può essere esclusa, neppure una verità molto diversa da quella raccontata finora. E visto che la camorra avrebbe avuto un ruolo decisivo, l’inchiesta potrebbe anche passare di mano, con la Direzione distrettuale antimafia pronta ad affiancare o più probabilmente a subentrare alla Procura di Forlì.


Condividi:


Commenti