Mayweather, ultima sul ring con l’ombra del doping

Mayweather, ultima sul ring con l’ombra del doping
12 settembre 2015

Il pugile americano Floyd Mayweather Jr. affronterà Andrè Berto per il titolo mondiale Welter WBC e WBA, che detiene da imbattuto.

LEGGI ANCHE: Mayweather contro Berto per battere il record di Marciano

Per Mayweather è l’ultimo match che, se vinto, lo porterebbe a superare il record di imbattibilità di 49 incontri detenuto da Rocky Marciano.

LEGGI ANCHE: Mayweather privato della corona mondiale Wbo di boxe

Sembra che il match stia tradendo le attese, per quanto concerne le vendite di biglietti, al MGM Grand Garden Arena di Las Vegas: colpa anche delle conseguenze delle polemiche dopo l’incontro-beffa con Manny Pacquaio

LEGGI ANCHE:  Pacquiao-Mayweather, pronta una class action

Ma potrebbero aver inciso anche le voci di doping per quell’incontro: Mayweather è stato accusato di aver assunto un farmaco non permesso alla vigilia del match del secolo con Pacquiao: un’iniezione di vitamine per reidratarsi. Per essere più precisi, non è il farmaco il problema, ma il fatto che lo abbia assunto per via endovenosa.

L’accusa si è dimostrata più insidiosa di quello che, secondo i pronostici, dovrebbe dimostrarsi il suo avversario. Lui si è difeso in conferenza stampa, nei giorni scorsi, dicendo di non aver violato alcuna norma e ha chiamato al suo fianco la Usada, l’agenzia antidoping degli Stati Uniti che ha confermato la sua versione. Ma il danno, ormai, era fatto.


Condividi:


Commenti