Tennis, Bracciali e Starace radiati per le scommesse

Tennis, Bracciali e Starace radiati per le scommesse
7 agosto 2015

Tribunale Federale della FIT ha deciso la radiazione per Daniele Bracciali  e per Potito Starace, con una multa di 40mila euro per il primo e 20mila euro per il secondo.

La sentenza è stata emessa a conclusione del procedimento disciplinare a carico dei due tennisti per aver alterato l’esito di alcuni incontri al fine di realizzare guadagni illeciti tramite scommesse.

Lo scorso 7 luglio, sulla base degli atti dell’inchiesta penale sulla vicenda condotta dalla Procura della Repubblica di Cremona, che li accusa di associazione per delinquere, Bracciali e Starace hanno inoltre ricevuto dagli inquirenti l’avviso di conclusione delle indagini.

Trattandosi dell’esito di un processo di primo grado – ha detto il Presidente della FIT Angelo Binaghi – non possiamo che augurarci che Bracciali e Starace riescano in quelli successivi a dimostrare di non aver commesso i gravissimi fatti per i quali sono stati condannati dal Tribunale Federale. Daniele e Potito hanno rappresentato per molti anni l’Italia nel mondo, difendendo anche con passione la maglia azzurra in Coppa Davis, e questo non va dimenticato. Se però anche i successivi gradi di giudizio confermassero quanto sin qui accertato dalla giustizia sportiva, o addirittura emergessero nuove responsabilità a carico di altri tesserati, il danno di immagine arrecato al tennis italiano sarebbe così grave che la FIT, dopo essere intervenuta quale parte lesa in sede disciplinare in questo procedimento, non esiterebbe a chiederne conto ai colpevoli anche in sede di giustizia ordinaria”.


Condividi:


Commenti