Maradona si scusa col ragazzino colpito in uno stadio

Maradona si scusa col ragazzino colpito in uno stadio
15 aprile 2015

Diego Armando Maradona si è scusato con il 14enne colombiano Santiago Palencia, colpito mentre cercava di fotografarlo, durante un match di beneficenza, venerdì scorso dall’ex Pibe de oro.

Santiago ha ricevuto un messaggio sul suo cellulare: “È urgente. Diego Maradona vuole vederti oggi”. Il messaggio era stato inviato da una delle guardie del corpo dell’ex calciatore. Un auto è andata a prendere a scuola il ragazzino e a portarlo in un albergo di Bogotà, dove è avvenuto l’incontro.

All’uscita dall’ascensore, al decimo piano dell’hotel, Santiago si è trovato davanti Maradona: “Scusami, papi, ma con la folla che c’era, non mi sono accorto che fossi tu”, ha detto l’ex campione usando un nomignolo per rivolgersi al ragazzino. “Non voglio che ti resti il ricordo di questo incidente – ha aggiunto -. Ho due figlie di 20 anni e non ho mai alzato loro una mano. Da oggi puoi dire che sei amico di Maradona”.

Diego ha poi firmato un pallone che ha dato al ragazzino visibilmente emozionato. “Ha realizzato il mio sogno, mi ha reso felice e mi ha dato il giorno più bello della mia vita. Ora posso dire ai miei amici, i miei figli ei miei nipoti che Maradona è mio amico. Grazie, Diego! .


Condividi:


Commenti