I tifosi della Roma a Pallotta: “Ci hai offeso, siamo con la Curva Sud”

I tifosi della Roma a Pallotta: “Ci hai offeso, siamo con la Curva Sud”
14 aprile 2015

Un botta e risposta continuo. Adesso un gruppi di tifosi della Roma ha preso carta e penna e ha scritto al presidente della Roma, James Pallotta, per esprimere la propria solidarietà alla Curva Sud, squalificata per la sfida contro l’Atalanta dopo gli striscioni contro la mamma di Ciro Esposito.

Nella lettera, toni non proprio concilianti, come scrive “Il Messaggero”. “Quando tuo padre era appena nato, noi eravamo a Campo Testaccio”, ricordano i tifosi giallorossi che continuano “quando ti emozionavi con i tuoi Boston Celtics, noi pareggiavamo 2-2 con l’Atalanta con doppietta di Pruzzo”. E sull’acquisto della società: “A 53 anni sei diventato proprietario della nostra Roma e per prima cosa hai modificato lo stemma del 1927 facendo tante belle promesse a cui abbiamo creduto, se pur con l’occhio vigile Romano”.

“Nel frattempo – si legge – su tutti i campi, noi tifosi della Roma venivamo come sempre insultati con cori e striscioni, di cui mai ci siamo lamentati perché in fondo è il gioco delle parti e il calcio non è quello sport con un canestro e un mega schermo che dice a dei giullari sugli spalti quando e come applaudire – proseguono i supporter -. Però ti sei permesso di dare dei “fottuti idioti” a 14 mila tifosi e di non tutelare chi anticipatamente ti ha pagato facendo il gioco dei moralisti del nuovo millennio (giornalisti, osservatori e leghe di varia natura) che da sempre fanno le pulci solo e soltanto alla Roma e ai suoi tifosi. È anche per questo che siamo arrabbiati con te, James, ed è per questo che per solidarietà con la Curva Sud a Roma-Atalanta resteremo fuori, invitando tutti i veri tifosi giallo-rossi a fare altrettanto. Meglio essere fucking idiots, piuttosto che fucked idiots”. A difesa di Pallotta si era schierato l’ex tecnico romanista e attuale ct della Russia, Fabio Capello.


Condividi:


Commenti