Polemica in casa Mercedes, Rosberg attacca Hamilton: “Mi ha rallentato”

Polemica in casa Mercedes, Rosberg attacca Hamilton: “Mi ha rallentato”
13 aprile 2015

La Mercedes fa doppietta in Cina, ma scoppia la polemica fra Lewis Hamilton e Nico Rosberg. È stato Rosberg ad accusare senza giri di parole il compagno di squadra, responsabile secondo lui di averlo danneggiato.

“Ho fatto il mio ritmo senza preoccuparmi del resto”, ha spiegato candidamente Hamilton. “Interessante sentire che stavi solo pensando a te stesso”, ha risposto a tono Rosberg. Il tedesco ha accusato l’inglese di aver rallentato “andando più piano di quanto fosse necessario ha consentito a Vettel di avvicinarsi e gli ha dato la possibilità di anticipare il pit-stop per cercare di passarmi. Poteva tenere un ritmo più alto, invece così ho rovinato le gomme e ho rischiato di essere attaccato da Sebastian”. A un certo punto Rosberg ha comunicato via radio con il team Mercedes: “Sta guidando molto lentamente, ditegli di accelerare”, ha detto ai tecnici.

Ma il botta e risposta non è finito. Anzi è continuato con la replica altrettanto stizzita di Hamilton: “Il mio lavoro non è pensare alla gara di Nico, ma gestire la mia macchina e portarla alla fine nel modo più veloce possibile e questo ho fatto”, ha evidenziato il campione del mondo.

Non capisco come io abbia compromesso la sua gara, non è stato mai più vicino di cinque secondi. Se voleva avvicinarsi e sorpassare, poteva farlo. Invece non lo ha fatto. Non ho fatto nulla intenzionalmente per rallentarlo, mi sono solo concentrato su me stesso”, ha ribadito. Rosberg non molla e ha annunciato che ne parlerà direttamente con la direzione della scuderia.


Condividi:


Commenti