Errore arbitrale, rigore, anzi no: partita rigiocata per 19 secondi

Errore arbitrale, rigore, anzi no: partita rigiocata per 19 secondi
9 aprile 2015

La partita tra Norvegia e Inghilterra dei campionati europei under 19 femminili a Belfast è stata rigiocata per 19 secondi. Il tempo per Leah Williamson di segnare dal dischetto e di qualificare l’Inghilterra per la fase finale.

L’extra time del giorno dopo è stato provocato da un errore arbitrale. Il direttore di gara, la tedesca Marija Kurtes, 29 anni, aveva assegnato un rigore all’Inghilterra, che era sotto per 2-1, al sesto minuto di recupero.

Ma, realizzato il penalty del pareggio, l’arbitro lo aveva annullato per l’entrata in area anticipata di una giocatrice britannica, assegnando la punizione indiretta a favore delle scandinave. Errore tecnico clamoroso, perché il regolamento impone la ripetizione del tiro dal dischetto solo nel caso di gol mancato.

La federazione inglese ha fatto ricorso ed è stato accolto. Ancora una volta Leah Williamson è andata sul pallone e dagli undici metri ha pareggiato anche se a fischiare c’era un altro arbitro. Con il 2-2 finale, la Norvegia è prima, l’Inghilterra seconda. Il Campionato Europeo Under 19 si svolgerà dal 15 al 27 luglio in Israele.


Condividi:


Commenti